Mia moglie Elisa, donna forte e autoritaria abituata da sempre a rendermi cornuto e sottomettermi, quel pomeriggio navigava negli annunci alla ricerca di qualche nuovo amante. Fu colpita dalla foto di un cazzo impressionante. L'annuncio diceva. Bull 45enne, cerca coppia con lei molto troia e lui guardone segaiolo.  Chi mi contatta si presenti come la troia oppure il cornuto. Diede a me l'incarico di di contattarlo. Cosa che subito feci. ''Pronto sono Piero...'' Rispose dall'altra parte. ''Buongiorno '', risposi io,''sono il cornuto di Elisa.'' -- ''Ah bene cornuto, quindi tu sei d'accordo a farmi scopare tua moglie, senza che tu possa intervenire, devi solo  guardare e non puoi neppure segarti perché saresti punito. Sei d'accordo??'' Dovevo per forza essere d'accordo, diversamente sarei stato punito da mia moglie. Risposi quindi di si. Ci diede appuntamento in un ristorante all'abetone dove lui aveva una villetta. chiese una descrizione di mia moglie e, mi disse come doveva vestirsi. Gonna molto corta, camicetta aderentissima e, senza regiseno. Ci trovammo il sabato sera. Salutò mia moglie con un bacio, non cosiderò per niente me. Disse che i cornuti servono solo per contorno. A tavola cominciarono a parlare, lui arrivò subito al dunnque. . A fine cena chiese a mia moglie di levarsi le mutandine e dargliele. Lei fece per andare in bagno ma, lui disse che doveva levarle li, Cercando di non far accorgere i vicini di tavolo lei se le levò, gliele diede, come voleva lui poggiandole sul tavolo vicino alla sua mano. Mia moglie chiese se la consistenza del cazzo era quella vista in foto, le prese la mano e gliela poggiò sopra, lei era soddisfatta. Piero si alzò e andò in bagno,invitando lei a seguirlo. Data la gonna cortissima mia moglie attraversò la sala con il culo quasi scoperto, sotto gli occhi ammirati dei tavoli vicini che ormai avevano capito cosa stava succedendo. Tornò dopo dieci minuti con due evidenti chiazze di sborra sul viso. Mi chiese un fazzoletto per pulirsi. I presenti vicini avevano capito che lei era mia moglie, lui il suo amante ed io il marito cornuto. Laciammo il ristorante, io a testa bassa per la vergogna. Raggiungemmo subito la sua villetta. Lui la scopò e incullò per tutta la notte, io spettatore impotente proibito anche di farmi una sega. Fu quella una indimenticabile e umiliante  bellissima  notte da cornuto. Giorgio.

 

 


{{comment.content}}