Questa è la storia di Moira, una ragazza come tante.
Moira ha 26 anni, è alta, castana, un fisico non appariscente ma ben formato.
Improvvisamente viene lasciata dal suo ragazzo, Danilo, e questo le cambia la vita.

Di punto in bianco si ritrova sola, senza amici o amiche che, si accorge troppo tardi, erano più amici ed amiche sue che proprie. Il bar dove lavora, ritrovo della compagnia, ora è popolato da facce semisconosciute. Nessuno vi viene più. Fa qualche tentativo cercando di riagganciare quelli e quelle con cui era più in sintonia. Inutile. Trova freddezza e nessuna comprensione. Non capisce il perché, lei non ha fatto nulla, eppure si ritrova da sola e le sue serate sono popolate da sedute sul divano davanti alla TV e qualche libro che legge svogliatamente.

Piange, parecchio, poi si adegua a questa vita solitaria che le toglie l’allegria. Se ne accorgono anche i titolari del bar, i clienti più o meno fissi, che però si fanno gli affari loro prendendone semplicemente atto.
L’unico contatto verso l’esterno è Lara, l’amica da sempre, non più frequentata ma mai dimenticata. Si sentono più spesso, si sfoga con lei, lunghe telefonate e poi incontri tappezzati di lacrime.

Lara fa del suo meglio per consolarla, conosceva appena lui, non ha consigli da darle se non quello di uscire, di riprendere a vivere, di farsi nuovi amici, di non lasciarsi andare.
Moira non le dà ascolto, si crogiola nel suo dolore, cade nell’autocommiserazione.

Poi, un giorno, si sveglia meno disperata. Il tempo ha fatto effetto, si rende conto del suo problema, lo affronta. Al bar la vedono sorridere nuovamente, un’allegria forse immotivata ma presente. Non è ancora il sorriso coinvolgente di prima ma è già qualcosa.
Lara è contenta, vuole bene a questa amica sfortunata. Spinge Moira a uscire, la invita spesso fuori per un aperitivo, una cena tra loro due, e parlano, parlano, parlano. Soprattutto parla Moira, ancora con la mente fissa sul suo rapporto crollato, però già nella sua testa si affacciano progetti futuri.
Così Lara la invita a una serata in un locale che non conosce. Musica dal vivo, bella gente, nulla di impegnativo ma c’è da divertirsi. Moira accetta, da troppo tempo non vede nessuno a parte Lara.

Si veste elegante ma non troppo, pantaloni attillati di pelle, neri, tacchi alti, camicetta bianca vaporosa, semitrasparente, con ampi svolazzi sul decolté, aperta al punto giusto da far vedere l’inizio dei globi bianchi su cui si calamita lo sguardo di chiunque la incontri. Lara sceglie un abbigliamento più estroso, d’altronde con i suoi capelli rasati per metà testa, con l’altra metà occupata da un ciuffo ribelle per metà colorato di rosso, non può indossare nulla di diverso dal kitsch: pantaloni attillati rossi, stivaletti con tacco 12, camicetta verde svolazzante. In pratica una piratessa d’altri tempi. Nel locale trovano posto in un tavolino in fondo e ordinano da bere.

In tanti salutano Lara, evidenziando come sia una abitué del locale. Poi inizia la musica, la gente si sposta nello spazio al centro dove è possibile ballare. Moira è sorpresa, in pista ci sono coppie tutte dello stesso sesso, principalmente donne. Capisce che è un locale particolare e chiede lumi a Lara:

- Lara, ma questo è un locale……..? –

- Sì cara, lgbt, come fa figo dire ora. Ti dà fastidio? –

- No. E’ che non c’ero mai venuta, per me è……….. strano –

- Ti piace? –

- Sì…… c’è tanta gente…….. dai, balliamo –

Le due birre bevute nell’attesa della musica si fanno sentire. Moira si sente leggera, ha voglia di divertirsi, vede intorno tanta gente con la sua stessa idea. Decide di lasciarsi andare e Lara la accompagna in uno spazio vuoto. Lì prendono a dimenarsi al ritmo della musica, strette in una calca sempre maggiore, costrette a stare di fronte l’una all’altra, avendo pochi centimetri per muoversi. E’ naturale che si struscino, è normale che quasi ogni parte del loro corpo venga a contatto con quelle di altra gente. Moira sente i capezzoli inturgidirsi, colpa dello strofinamento contro quelli di Lara? O forse sono le innumerevoli mani che la sfiorano sui fianchi, sulle natiche, sulla schiena. Per un attimo ha sentito chiaramente due tette contro di sé, due mani sui fianchi, da dietro. Subito sparite mentre Lara ha improvvisamente indurito l’espressione. Intuisce senza capire a fondo, e si sente accaldata, la testa le gira.

- Ho sete, torniamo al tavolo –

Lo dice con la gola improvvisamente secca, e subito Lara la prende per mano e la trascina con sé.
Di nuovo sedute, si fa aria con le mani mentre aspettano le ordinazioni.

- E’ sempre così……. confuso? –

Chiede all’amica.

- Sì, ci sono sempre quelle che ci provano, ma basta fargli capire che……. non è per loro. E’ difficile che si litighi tra di noi –

- Noi…… anche tu Lara? –

- Ti dispiace? –

- No……no, è che non ci ho mai pensato –

Tace per qualche istante Moira, sorseggiando la birra ghiacciata. Riflette. Chi è lei per obiettare sulla vita degli altri, di Lara? Non le piace l’espressione tesa che ha Lara, non vuole che la sua amica sia corrucciata. Questa sera si sente diversa, non vuole pensare, solo “vivere”, essere allegra, divertirsi. La butta sullo scherzo:

- Allora quella di prima ci stava provando con me. Per caso ci vuoi provare anche tu? –

Lo dice con un sorriso splendente da spazzare via ogni altro pensiero, lo dice avvicinando la bocca a quella di Lara che rimane un attimo interdetta dall’improvviso mutato atteggiamento di Moira.

- Ti darebbe fastidio? –

Lara lo chiede con tono preoccupato, non vuole “spaventare” l’amica da cui si sente attratta. La risposta è quanto di meglio potrebbe volere: le labbra di Moira che toccano le sue in un bacio a stampo, la sua mano presa dall’altra e tirata verso la pista:

- Dai, torniamo a ballare –

Per una mezz’ora si scatenano nel ballo. Moira non bada più alle mani che la toccano, ai corpi che la sfiorano. Le braccia alzate sopra la testa si dimena davanti a Lara, si strofina contro di lei, si fa abbracciare. Intorno a loro diverse coppie fanno lo stesso, qualcuna anche più esplicita: mani curiose, labbra unite, lingue intrecciate. Osserva incuriosita due uomini in un angolo, abbracciati, non ha mai visto due uomini baciarsi.

La maggior parte della gente pare divertirsi normalmente, ma è lei, Moira, che nota soprattutto le coppie “occupate”. Si sente bollire come non le capitava da tempo. Sarà l’atmosfera, la novità, l’alcool che le rende la testa leggera e le fa desiderare di lasciarsi andare senza pensare. Si risveglia dal sogno a occhi aperti sentendosi tirare per il braccio.

- Torniamo al tavolo –

Lara la precede e, mano nella mano, tornano a sedere. Si fanno aria con i tovaglioli, bevono ancora beandosi del freddo bicchiere.
Moira si sente tirare verso Lara, cede le labbra al bacio dell’amica, indugia per un lungo istante rovistando con la lingua nella bocca dell’amica, accogliendo l’altra nella sua, poi un sussulto, uno scrupolo:

- Lara………. Io non ho mai……..non so……… -

L’amica capisce la titubanza, non insiste pur sentendosi sempre più attratta, decide di giocare le sue carte dopo, all’uscita.
Non è presto ma nemmeno tardi quando decidono di tornare a casa, l’effetto dell’alcool che ancora non è passato, le risate che le scuotono. Sotto casa di Moira questa scende, fa il giro dell’auto, aspetta che Lara scenda, la abbraccia:

- Grazie Lara, mi è piaciuto molto……… chissà, potremmo tornarci –

Lara trattiene un brivido sentendosi congedata, chiude l’auto, si accosta a Moira:

- Mi fai salire? –

E’ un attimo, quello che intercorre tra l’ultima sillaba e l’azione di Moira. In quell’attimo le passa davanti agli occhi tutto il tempo passato da sola, tutto il dolore per essere stata lasciata, la gratitudine per l’amica, l’eccitazione della serata…. La sua decisione di lasciarsi andare

Prende la mano di Lara e la tira con sé dentro il portone. Salgono le scale in silenzio, entrano nell’appartamento, gettano le borsette sul divano, si fermano l’una di fronte all’altra.

E’ indecisa Moira, ha paura e desiderio insieme: paura di ciò che non conosce, desiderio di conoscerlo; paura di aver frainteso le pur chiare avances dell’amica, desiderio di sentire ancora mani che non siano le sue sul proprio corpo.

In silenzio accosta le labbra a quelle dell’amica, le prende il volto tra le mani, la bacia prima lentamente e poi con forza, quasi furia, e Lara risponde con enfasi, allungando le mani sui suoi fianchi, sulle natiche, carezzandole la schiena.

Si spogliano velocemente e si ritrovano in ginocchio sopra il letto, di fronte, la mano di Lara tra le cosce di Moira, quella di Moira che esita e poi imita l’amica.
E’ strano per lei sentire sotto le dita un sesso che non sia il suo. Istintivamente muove la mano, cerca i punti sensibili, avverte l’uguale carezza su se stessa e si sente inumidire.
I seni di Lara sono morbidi, succosi, irresistibili. Stacca le labbra da quelle dell’amica e scende a prendere in bocca uno dei capezzoli turgidi. Strappa un mugolio a Lara e insiste. La sua mano si fa più audace, più profonda. Si sente vicina all’orgasmo, ne avverte l’intensità crescere dentro di lei, ne ha paura. Quando la scintilla scocca la sua bocca è unita a quella dell’amica, ne beve i gemiti, vi affonda i propri. Gode scuotendosi come percorsa da una scossa elettrica e l’amica, abbracciata strettamente, si scuote con lei conficcandole con forza le dita dentro, facendola urlare dal piacere.

Cadono distese contemporaneamente, vicine. Lara le bacia una spalla, la guarda negli occhi, e Moira vi legge soddisfazione e desiderio ancora.

- Pentita? –

La domanda a bruciapelo, detta con tono misto di ansia e urgenza, la fa sussultare. Si guarda dentro, scopre che no, non è pentita, che da troppo tempo non provava quel calore umidiccio che sente ora, che è bello fare sesso con qualcuno a cui vuoi bene, e lei vuole bene a Lara e sa che Lara vuole bene a lei. Non è amore, è più sorellanza, complicità, stare bene insieme. Si crogiola in queste sensazioni mentre risponde al bacio dell’amica con slancio.

I respiri si fanno di nuovo corti, i seni quasi le dolgono dalla voglia di essere toccati, accarezzati, leccati. Lara pare leggerle il pensiero e scivola su di lei succhiandole dolcemente i capezzoli.
L’eccitazione torna a salire, la mano di Lara è di nuovo tra le cosce di Moira, si muove come una farfalla toccandola dove più le piace, con leggerezza, senza prepotenza, e Moira si agita.
Si agita ancora di più quando l’amica scivola sul suo corpo con la bocca, lasciando una striscia di saliva, fino al pube, al piccolo cespuglietto ben curato, alla grotta subito sotto in cui infila una lingua, tenera e prepotente insieme, che la scava facendola sobbalzare.
Si sente aperta, esposta come mai si era sentita, e avverte l’impulso a ricambiare l’amica, a renderle il favore, insieme alla curiosità di osservare un altro sesso come il suo. Si contorce sul letto fino a rovesciarsi e ce l’ha davanti.
L’annusa piano, timidamente allunga la lingua sulle grandi labbra, tra di esse a cercare il clitoride. Non sa bene come fare ma sa che vuole farlo. E lo fa, prima con circospezione, poi affondando con veemenza la testa tra le cosce di Lara che, felice, la lecca con impeto ricambiando colpo di lingua su colpo di lingua, fino a avere la bocca inondata dai fluidi di Moira la quale riceve quelli dell’amica senza porsi domande, accettandoli come naturali, cercandoli come un assetato alla fonte.

Si abbandonano ancora sul letto, la testa mollemente appoggiata sulla coscia dell’altra, il respiro che si normalizza, il cervello ancora percorso da lampi di piacere.

- E’ stato fantastico –

Ora è Moira a parlare, sente il bisogno di dire all’amica come si sente, la gioia che prova, la leggerezza di essere lì senza altri pensieri che di stare insieme all’amica.

Lara è felice, sente ricambiata l’attrazione che da poco ha iniziato a provare per Moira.

Ora sono loro due distese sul letto, l’universo si ferma ai confini della stanza con i suoi pensieri, le preoccupazioni, i problemi.

Nella notte si cercano ancora e mani avide trovano carne tenera da esplorare, labbra enfiate si uniscono, lingue guizzano e s’incontrano concludendo in quello che dicono essere il più raffinato rapporto saffico: pube contro pube, in un movimento continuo, con ventri che si sfregano, cosce che si aprono e si chiudono, gemiti che riempiono il silenzio.

Domani è un altro giorno.


{{comment.content}}